Carrello: 0 Prodotto Prodotti (vuoto)

Nessun prodotto

Spedizione Non ancora calcolato
Totale: 0,00 €

Attributi:
Quantità:
Totale:

Ci sono 0 prodotti nel tuo carrello C'è 1 prodotto nel tuo carrello

Totale prodotti
Spese di spedizione  Gratuito!
Totale
Continua con lo shopping Vai al carrello
Prodotto aggiunto con successo alla carrello
Fisioterapia e riabilitazione

L'arto superiore nella paralisi cerebrale infantile

47,00 €

Autori
Ferrari - Benedetti - Mori - Alboresi

Aspetti clinici e possibilità terapeutiche

  • Data Pubblicazione dicembre 2015
  • ISBN 978-88-299-2760-9
  • Codice Piccin 0604310
  • Numero pagine 280
  • Rilegatura Brossura

Presentazione

Presento con grande piacere questo libro dedicato alla clinica ed alla terapia dell’arto superiore nella paralisi cerebrale infantile, in cui Adriano Ferrari ha raccolto la sua esperienza e quella di colleghi medici riabilitatori, chirurghi, terapisti, tecnici.
Il libro tratta in modo rapido e clinico molti aspetti di questa interessante problematica, con informazioni sullo sviluppo tipico della manipolazione, su alcuni concetti neurofisiologici del controllo motorio dell’arto superiore, sulla semeiotica cinesiologica, neurologica e riabilitativa.
Non c’è dubbio, tuttavia, che la parte più rilevante ed innovativa dell’opera sia costituita dalla descrizione di un modello di classificazione funzionale della manipolazione e dei suoi principali difetti nel bambino con emiplegia, proposta negli ultimi anni da Adriano Ferrari.
Ciascuna di queste classi ha un suo descrittore principale, prevalentemente cinesiologico, una sua specificità in termini di obiettivi e strumenti riabilitativi clinici, ma anche farmacologici, ortesici e di chirurgia funzionale, nei casi in cui quest’ultimi siano opportuni.
Frutto di una esperienza clinica unica ed oggetto di validazione rispetto ad altri strumenti e modelli di classificazione funzionale dell’arto superiore del bambino, queste classi e la loro descrizione anticipano ed orientano nel libro la trattazione ampia che segue sui tipi di interventi chirurgici possibili per i vari distretti dell’arto superiore, e l’iconografia anch’essa molto ampia sulle ortesi oggi disponibili.
Il lettore apprezzerà infine i casi clinici descritti nella parte conclusiva del libro, paradigmatici delle classi funzionali della manipolazione proposte, ed esempio molto utile del ragionamento clinico con cui l’équipe di Adriano Ferrari valuta l’arto superiore del bambino con emiplegia ed individua gli obiettivi delle proposte riabilitative.
Il testo, come altre opere dello stesso gruppo, non vuole essere un trattato che copra tutti gli aspetti dell’argomento, ma un “libro di bordo”, in cui sono annotate le osservazioni principali fatte da un’équipe che segue da molti anni centinaia di questi bambini.
È un libro di bordo scritto a più mani e da più esperti, con linguaggio necessariamente non del tutto omogeneo e con alcune ripetizioni di argomenti, mentre altri aspetti della manipolazione, del suo sviluppo e della fisiopatologia del disordine potrebbero essere ancora ampliati.
L’opera costituisce uno strumento formativo molto utile, da raccomandare a medici, fisiatri e neuropsichiatri infantili, e terapisti per il loro percorso formativo universitario e per l’aggiornamento professionale successivo nell’ambito della paralisi cerebrale infantile.

GIOVANNI CIONI
Professore Ordinario di Neuropsichiatria
Infantile dell’Università di Pisa
Direttore Scientifico IRCCS Fondazione Stella Maris

Prefazione

Un sottotitolo onesto per questo libro, come per quasi tutti gli altri miei lavori, avrebbe potuto essere “appunti di viaggio”. Un viaggio professionale durato tanti anni e compiuto in compagnia di compagni fedeli, medici, terapisti e tecnici, esplorando un ambito, quello della paralisi cerebrale infantile, allo stesso tempo semplice, per essere quotidianamente sotto gli occhi di tutti, data l’elevata incidenza di questa patologia, e complesso, per la continua trasformazione dei suoi aspetti clinici (il changing panorama), prodotta dalle mutate modalità di assistenza alla gravidanza, al parto ed al neonato.
Un’esplorazione iniziata con strumenti semplici, la sola capacità di osservare, e con incerte mappe concettuali quali l’ambito dei riflessi e quello dei pattern posturo-motori, sostenuta strada facendo dai progressi compiuti dalle neuroscienze nello studio del controllo motorio e progressivamente documentata dalle neuroimmagini, per comprendere la fisiopatologia del danno e capire come affrontarne le conseguenze sul piano funzionale, ed estesa progressivamente dal dominio della motricità verso altre importanti dimensioni come la percezione, la modalità di apprendimento e l’identità del bambino disabile.
Come ogni viaggiatore ho cercato presso altri “cultori della materia” possibili indicazioni per sapere quale fosse la direzione migliore da prendere. Adriano Milani Comparetti, per il suo modello di interpretazione della interazione competitiva fra pattern motori primari, e Giorgio Sabbadini, per aver fatto luce sulle dimensioni nascoste della paralisi (la disprassia), sono stati guide assolutamente preziose. Strada facendo ho incontrato altri viaggiatori che come me cercavano una possibile via per la rieducazione del bambino con paralisi cerebrale infantile.
L’incontro con due di loro, Michele Bottos e Marcello Mario Pierro, è stato determinante per il mio procedere, poiché entrambi mi hanno generosamente aiutato a considerare anche altri differenti angoli visivi, frutto della loro personale esperienza. Confrontandoli e coniugandoli con il mio, assieme abbiamo potuto dare profondità ad una mappa concettuale che abbiamo continuato a disegnare, almeno fino a quando la vita lo ha concesso loro.
Al ritorno da ognuno dei miei viaggi nel mondo della paralisi cerebrale infantile, all’atto di trasferire in forma scritta le idee e le esperienze maturate, mi aspettava puntuale un lettore attento, benevolo ma rigoroso, pronto a sottolineare i pregi del lavoro compiuto, ma altrettanto determinato a metterne in luce ogni contraddizione o lacuna: era Silvano Boccardi. Questo libro esce senza la sua correzione discreta, ma determinante. Per quanto sono stato capace di fare, ho cercato di tener conto di quanto Silvano mi ha insegnato in termini di metodologia, coerenza ed onestà intellettuale. Spero di esserci riuscito.
Ho ricordato i grandi maestri e i compagni di viaggio che mi hanno lasciato. Altri per fortuna sono saldamente al mio fianco come Giovanni Cioni, che ringrazio non solo per la presentazione di questo libro, ma per il sostegno costante fornito al mio tentativo di dare un razionale all’intervento terapeutico che fosse al tempo coerente con le conoscenze più aggiornate della neurofisiopatologia del danno cerebrale. Da molti anni i nostri due gruppi di lavoro si muovono assieme, condividendo idee e prassi operative, sostenendosi reciprocamente nell’attività clinica ed integrandosi in quella della ricerca applicata e traslazionale.
La considerazione finale, certo la più importante, è per i tanti allievi che in questi anni hanno voluto conoscere il pensiero e le esperienze del mio gruppo. A loro è destinato questo libro.
In esso troveranno le cose che abbiamo capito sull’attività dell’arto superiore del bambino con paralisi cerebrale infantile. Quelle che non abbiamo ancora capito sono molte di più, ma siamo certi che alcuni di loro sapranno proseguire questo viaggio verso la conoscenza .
Ho ricevuto molto e forse restituisco troppo poco. Ma è tutto quello che ho, e volentieri lo lascio a chi vorrà proseguire su questa strada, pronto a cedergli il passo.

ADRIANO FERRARI

pagine iniziali

Dimensione del file (80.79k)

No customer comments for the moment.

Scrivi la tua recensione

Prodotti correlati